In Cattedrale torna a risplendere la Cappella dei Caduti

Al termine di un lavoro di restauro durato all’incirca un anno, Parma torna ad abbracciare la Cappella dei Caduti in Cattedrale. In occasione della riapertura, in programma giovedì 4 novembre, verrà posizionata nella cappella una reliquia del Beato Guido Maria Conforti.

Fu proprio il santo vescovo di Parma, di cui si è appena celebrato il decimo anniversario della canonizzazione, a dedicare nel 1919 l’antica cappella Baiardi ai caduti della prima guerra mondiale, i cui nomi coprono tutto attorno la parte bassa. L’esecuzione dei dipinti fu affidata a Biagio Biagetti, direttore della Pinacoteca Vaticana. Sopra l’altare è raffigurato “Il re dei re”, sotto l’altare una deposizione in terracotta dipinta, modellata da Giuseppe Carra. Sulle pareti l’intensa scena delle crocerossine in abito bianco che con lunghe candele scortano le bare dei caduti.

Il progetto architettonico di recupero è stato affidato all’architetto Sauro Rossi dello Studio Bordi-Rossi-Zarotti; progetto strutturale dell’ingegner Giovanni Gualerzi (Idea Studio Associato); direzione lavori affidata all’ingegner Guiduberto Galloni (Galloni Progettazioni); collaudo all’ingegnere Gualtiero Savazzini dello Studio Savazzini e impresa esecutrice Archè Restauri. I lavori sono stati finanziati da Bper Banca e tramite i fondi dell’Otto per Mille.

 03-11-2021