Il Capitolo


Pur avendo alcune sporadiche attestazioni che parlano di una arcidiacono e un arciprete, dignità tipiche di un capitolo canonicale, fu il vescovo franco Vibodo (860-895) a fondare il capitolo della Cattedrale, con la donazione di un chiostro da lui costruito vicino alla Cattedrale (oggi sede del Seminario vescovile) e la dotazione di beni per il sostentamento dei membri del capitolo. Il termine capitolo ha origine dalla consuetudine di leggere un capitolo della regola durante la celebrazione quotidiana della liturgia delle ore. Furono poi chiamati canonici probabilmente a ragione del fatto che la loro vita, nelle espressioni comunitarie, era guidata da un regolamento (canoni).
Il capitolo era retto dall’arcidiacono o dal prevosto, la disciplina era affidata al decano. Vi erano poi altri uffici, come il primicerio o il cantore a cui era affidata la liturgia, incarico che aveva influsso anche per la liturgia in tutta la diocesi. Ancora lo scholasticus che dirigeva la scuola cattedrale e vigilava sulle altre eventuali scuole presenti in diocesi; il custos cui era affidato il tesoro, il sacrista. Per l’amministrazione provvedeva il prevosto, aiutato dal camerarius e dal sacellarius.
Intorno all’anno 1000 troviamo 9 canonici preti e 4 tra diaconi e suddiaconi. Nel 1141 il vescovo Lanfranco fissa a 16 il numero dei canonici, cui nel 1426 se ne aggiunge un diciassettesimo. Le leggi eversive del 1867 è portarono il numero massimo dei canonici a 12.
Fino al Concilio Vaticano II (1962-1965) i canonici costituirono l’organo collegiale che assisteva il vescovo nel governo della diocesi, con potere decisionale in caso di atti di straordinaria amministrazione. Col Concilio sono stati sostituiti dai Consigli pastorale e presbiterale e dal Collegio dei consultori. Ora i canonici, il cui numero è fissato ad un minimo di quattro, curca la vita liturgica della Cattedrale.

 

I membri del capitolo in carica

Mons. Domenico Magri, Presidente
Mons. Lorenzo Tagliani
Mons. Giulio Ranieri
Mons. Pietro Ferri, penitenziere e archivista
Mons. Alfredo Chierici, parroco della parrocchia della Cattedrale
Mons. Pietro Delsante, prefetto di Sagrestia
Mons. Pietro Mori

 

Canonici onorari

Mons. Eugenio Binini
Mons. Walter Dall’Aglio
Mons. Sergio Sacchi
Mons. Franco Sandrini

Consorzio dei Vivi e dei Morti eretto nella Basilica Cattedrale di Parma

Don Francesco Ponci, Massaro
Don Aldino Arcari
Don Andrea Avanzini
Don Sincero Mantelli
Don Mauro Pongolini
Don Rosolo Tarasconi
Angelo Tedeschi
Giuseppe Iamiglio
Andrea Petrolini